Raccolta di articoli divulgativi o di approfondimento sulle best practices organizzative più diffuse.

Mappe mentali e mappe concettuali: le differenze

Mappe mentali e mappe concettuali: le differenze

Articolo originale di E-quality Italia. Per saperne di più sulle mappe mentali guarda la registrazione del nostro webinar.

Uno degli interrogativi che vengono costantemente posti quando si parla di mappe mentali è “… E che differenza c’è con le mappe concettuali?”

Sebbene sia la mappa mentale che la mappa concettuale siano strumenti di rappresentazione grafica delle informazioni, le differenze tra le due tipologie di mappa sono molto profonde.

MAPPE MENTALI E MAPPE CONCETTUALI
Mappe mentali e mappe concettuali: le differenze, in una Mind Map

Continua a leggere Mappe mentali e mappe concettuali: le differenze

Useclark®: il webinar

Useclark®: il webinar

Lo scorso 26 settembre Mark Tigchelaar, ideatore del metodo UseClark®, ha presentato il suo metodo in un webinar esclusivo per E-quality Italia. Se lo avete perso – o se volete rivederlo – non dovete fare altro che seguire il video qui sotto.

Useclark®: a cosa serve?

Oltre un milione di knowledge worker in tutto il mondo trascorre dalle tre alle cinque ore al giorno elaborando e analizzando le informazioni necessarie per il proprio lavoro, e questo tempo continua ad aumentare. Negli ultimi venti anni il flusso di informazioni è aumentato di venti volte. Siamo sommersi dalle informazioni che dobbiamo elaborare per il nostro lavoro, e non abbiamo strumenti per gestirle. L’effetto di questo sovraccarico è che ignoriamo le informazioni o le valutiamo superficialmente, e di conseguenza non siamo in grado di memorizzarle adeguatamente.
Continua a leggere Useclark®: il webinar

Chi è David Allen, e com’è nato GTD®?

Chi è David Allen?

Articolo originale di E-quality Italia. Per informazioni sui nostri corsi GTD® fate click qui.

David Allen è nato a Shreveport, in Louisiana. Ha frequentato il college al New College in Florida, e ha iniziato gli studi universitari in Storia Americana all’università della California.

Negli corso degli anni David ha sperimentato decine di lavori, dal mago al cameriere, dall’istruttore di karate all’architetto di giardini, fino a diventare formatore su tematiche legate alla crescita personale. David ama dire che ha ricoperto trentacinque professioni prima di compiere 35 anni.

Dal momento che era più interessato allo sviluppo della persona che agli studi accademici, al business o alla carriera imprenditoriale David ha lasciato l’università, e per pagare l’affitto ha cominciato ad aiutare gli amici nelle loro attività di business, da buon “numero 2”.

Il maggiore interesse di David mentre svolgeva queste attività era rendere le cose più semplici; oggi parleremmo di miglioramento dei processi, David ama chiamare questa attività “pigrizia”.

Com’è nato GTD®?

David ha avviato il proprio studio di consulenza nel 1981, ma GTD® ha preso la forma attuale dopo l’inizio della collaborazione con Dean Acheson, consulente e mentore, che durante la propria attività di coach e consulente di change management aveva sviluppato alcune tecniche molto potenti.

Continua a leggere Chi è David Allen, e com’è nato GTD®?

Iscrizione gratuita all’Agile Business Consortium per chi supera un esame

Sapevate che tutti i candidati che superano con successo un esame AgilePM® (Agile Project Management), AgileBA® (Agile Business Analyst) o AgilePgM® (Agile Programme Management) hanno diritto a un anno di iscrizione gratuita all’Agile Business Consortium? E sapevate che E-quality Italia è l’unica società di formazione italiana accreditata per tutti e tre i corsi?

agile business consortium

L’iscrizione all’Agile Business Consortium ha i seguenti benefici:

  • Appartenere a un’organizzazione all’avanguardia nello sviluppo delle metodologie Agile
  • Giornate di formazione dedicate ai soci
  • Webinar on line
  • 20% di sconto su tutti gli articoli del webshop Agile Business Consortium
  • Accesso a contenuti riservati ai soci
  • Accesso ai template della metodologia

Il processo per ottenere la membership gratuita è il seguente:

  1. superate il vostro esame AgilePM®, AgileBA® o AgilePgM®!
  2. APMG invierà a tutti i candidati che avranno superato l’esame una email entro 2-3 settimane dalla data di rilascio del risultato.
  3. I candidati dovranno compilare un breve questionario online.
  4. I dati inseriti dai candidati saranno inoltrati da APMG all’Agile Business Consortium con frequenza settimanale.
  5. Agile Business Consortium inserirà i dati ricevuti da APMG nel database dei propri iscritti; questa operazione genererà una email automatizzata contenente le istruzioni per attivare l’iscrizione

L’iscrizione sarà valida per un anno a partire dalla data di attivazione (non dalla data di esame).

I termini e le condizioni dell’associazione sono disponibili sul sito www.agilebusiness.org; questa offerta non si applica a chi è già (o è già stato) iscritto all’Agile Business Consortium.

Ecco i nuovi esami PRINCE2® 2017

I nuovi esami PRINCE2® 2017

I lettori di questo blog sanno fin dallo scorso mese di gennaio del lancio della nuova versione del manuale e degli esami PRINCE2®. Durante il mese di luglio il nuovo manuale è stato finalmente pubblicato, e gli esami sono stati resi pubblici. Per ulteriori informazioni sulla versione 2017 della guida di Project Management più diffusa nel mondo potete fare click qui.

Con la pubblicazione della nuova guida PRINCE2® è stata anche rilasciata una nuova versione degli esami Foundation e Practitioner e del relativo programma di esame (il syllabus). Elenchiamo di seguito le modifiche più importanti agli esami.

Continua a leggere Ecco i nuovi esami PRINCE2® 2017

Webinar MindMaps®, ovvero come imparare ad imparare

MindMaps®, ovvero come imparare ad imparare

Impara a catturare informazioni e idee con la tecnica che ha aiutato oltre 250 milioni di persone in tutto il mondo a diventare più organizzate, produttive e creative! E-quality è orgogliosa di annunciare di aver aggiunto al proprio portfolio il corso ufficiale TonyBuzan® MindMapping Practitioner. Questo webinar – condotto dalla nostra Giulia Zavattaro, docente accreditato TonyBuzan® e MindMaps® Practitioner da oltre dieci anni, vi fornirà gli elementi di base per inizare ad applicare in pratica questa tecnica.

Il Mind Mapping è una tecnica per catturare informazioni creata dal guru internazionale Tony Buzan, autore di numerosi best seller.È dimostrato che questa tecnica migliora la produttività, la creatività e la memoria.
Il Mind Mapping è utilizzato in tutto il mondo per identificare nuove idee e opportunità, organizzare, gestire progetti, insegnare, studiare, comunicare informazioni e molto altro ancora…
Continua a leggere Webinar MindMaps®, ovvero come imparare ad imparare

E-quality Italia ha adottato Holacracy®. Ecco perché.

Perché adottare Holacracy®?

Avete una nuova idea per la vostra organizzazione. È un’idea brillante, che migliorerà la qualità del prodotto e consentirà di spedirlo più rapidamente, riducendo i costi e migliorando il profitto.

È un processo frustrante

Con ogni probabilità, però, il processo necessario per l’approvazione della vostra idea prevede che si faccia del lavoro di analisi, si prepari un report e poi si organizzi una riunione per presentare i risultati.

Una volta fatto tutto questo non vi resta che sperare che uno dei decisori della vostra azienda decida di dare seguito alla vostra idea.

È un processo frustrante, e lo avete probabilmente già sperimentato se avete lavorato in una grande organizzazione.

Le piccole organizzazioni non hanno di questi problemi.

Le startup sono agili. Le decisioni sono rapide, ed è possibile adattarsi rapidamente.

Nel momento in cui le startup crescono la dinamica dell’organizzazione cambia. Nascono diversi strati di management, Arriva la burocrazia. Non è più semplice mettere in pratica le proprie idee. Sono necessarie delle approvazioni per ogni attività.

Continua a leggere E-quality Italia ha adottato Holacracy®. Ecco perché.

Service Automation Framework in 3 minuti

Service Automation Framework in 3 minuti

Fondamenti di Service Automation

La Service Automation – l’erogazione di servizi supportata dalla tecnologia – riscontra un interesse sempre maggiore da parte delle aziende. Organizzazioni come Spotify, Netflix, Uber – che erogano servizi automatizzati al 100% – hanno dimostrato che è possibile crescere rapidamente e ottenere un vantaggio competitivo adottando la Service Automation.

The Service Automation Framework

Dal momento che si tratta di un concetto nuovo non è semplice trovare informazioni di natura pratica su come un’azienda possa applicare in pratica la Service Automation. Il Service Automation Framework® fornisce un approccio strutturato che le organizzazioni possono seguire per rendere digitale la propria offerta di servizi. Lo schema di certificazione corrispondente è stato sviluppato per gli individui e i team che vogliono dimostrare la propria capacità di applicare i passi del Service Automation Framework. Lo schema di certificazione fornisce anche un punto di partenza per le organizzazioni che vogliono rendere digitale la propria offerta di servizi.
Continua a leggere Service Automation Framework in 3 minuti

Intervista a David Allen

David Allen risponde alle nostre domande

La velocità e la frequenza dei cambiamenti e il numero crescente di cose da fare a casa e al lavoro sembra essere una caratteristica della vita moderna. Molte persone ritengono che se avessero più tempo a disposizione potrebbero far fronte in modo migliore ai propri impegni. Può spiegarci la differenza tra tempo a disposizione e spazio a disposizione, e perché questa distinzione è rilevante per la nostra produttività e il nostro benessere?

Non c’è bisogno di tempo per avere una buona idea, per essere innovativi e creativi, per amare o semplicemente per essere presenti a sé stessi qualsiasi cosa si stia facendo. Queste attività non richiedono tempo; richiedono spazio nella nostra psiche. Se siamo preoccupati, distratti, se portiamo dentro di noi i problemi del lavoro a casa o i problemi di casa al lavoro non saremo produttivi come potremmo esserlo, qualsiasi cosa stiamo facendo.
Continua a leggere Intervista a David Allen

GTD® e il Project Management secondo David Allen

Come molti dei lettori di questo blog sono rimasto affascinato anni fa (molti anni fa, ormai…) dalle metodologie di Project Management, che mi sembravano un ottimo modo per portare ordine nelle organizzazioni in cui lavoriamo, e – perché no – anche nelle nostre vite.

Per questo motivo negli anni ho studiato avidamente, e ho cercato di applicare, prima i consigli della Guida al PMBoK®, poi quelli della guida Successo alla Gestione dei progetti utilizzando PRINCE2®, e poi ancora i suggerimenti della Definitive Guide to Scrum™, e di un numero imprecisato di altre metodologie, Agile o tradizionali.

Poi ho iniziato ad applicare Getting Things Done® di David Allen (GTD®), e mi è sembrato di aver trovato finalmente quello che cercavo; un metodo pratico per portare ordine nel caos, e per mettere sotto controllo i nostri progetti. Mi è sembrato anche che GTD® non fosse in contraddizione con tutte le altre metodologie che ho studiato e applicato negli ultimi 25 anni (eh sì).

Dal momento che sono un ragazzo fortunato.. ho avuto modo recentemente di parlare di questi argomenti con David Allen durante il recente incontro dei GTD® representative ad Amsterdam. Trovate la registrazione della nostra chiaccherata nel video qui sotto.

Se non avete voglia di ascoltare tutto il video.. ecco le conclusioni della nostra intervista:

  • sappiamo ormai che la nostra mente segue – ogni volta che affrontiamo un nuovo progetto – cinque passi ben definiti, ovvero l’identificazione dello scopo del progetto, la creazione di una vision per il progetto, il brainstorming, l’organizzazione degli esiti del brainstorming e l’individuazione delle prossime azioni.
  • le metodologie di Project Management hanno ottenuto ottimi risultati, ma si concentrano sul passo organizzazione, trascurando spesso gli altri quattro passi.
  • anche i piani di progetto più dettagliati non possono contenere il livello di dettaglio necessario per passare davvero all’azione.

Morale? GTD® è fondamentale per chiunque lavori in un ambiente di progetto…

Ti è piaciuto questo post? Per ricevere ogni 2-4 settimane aggiornamenti da E-quality Italia fai click qui.