Expand search form

Corsi e certificazioni on line

Ottieni le certificazioni più richieste senza spendere una fortuna e da casa tua

I principi PRINCE2

Diversamente da come potresti immaginare, PRINCE2® non serve tanto a formare dei Project Manager quanto a dare a un’organizzazione la capacità di gestire progetti, e non è la stessa cosa.

L’approccio PRINCE2, infatti, è semplice e di buon senso, ma richiede – per essere applicato – uno sforzo da parte di tutta l’azienda. Fare un corso ai soli Project Manager o aspiranti tali e aspettarsi che qualcosa cambi è davvero poco realistico.

Analizziamo i 7 principi PRINCE2 per capire rapidamente quali sono le idee alla base di questo metodo di gestione dei progetti.

1. Giustificazione continua di business

Ogni progetto deve documentare il fatto di avere benefici misurabili superiori ai relativi costi e rischi. Ciò significa creare e mantenere costantemente aggiornato il Business Case del progetto.

L’idea è semplicissima, ma nella nostra esperienza abbiamo constatato che meno del 10% delle aziende prepara dei Business Case di progetto.

2. Apprendimento dall’esperienza

Durante ogni progetto è fondamentale produrre dei documenti contenenti le lezioni apprese. Allo stesso tempo, è altrettanto importante consultare i documenti sulle lezioni apprese provenienti dai progetti precedenti.

In assenza di una cultura, di un processo e di un sistema di Knowledge Management, però, anche questo principio PRINCE2 rimane solo su carta.

3. Ruoli e responsabilità predefiniti

Questo principio rappresenta il vero valore aggiunto di PRINCE2.

In PRINCE2 il progetto è governato da un Project Board che comprende rappresentanti dell’azienda, degli utenti e dei fornitori, ognuno con le proprie responsabilità specifiche. Il Board delega al Project Manager l’esecuzione di una fase, mantenendo la responsabilità complessiva del progetto.

Purtroppo, però, il Board di progetto spesso non c’è o se c’è è costituito da ruoli poco definiti.

4. Gestione per fasi

Al fine di minimizzare il rischio il progetto, PRINCE2 è suddiviso in porzioni indipendenti finanziate separatamente, dette fasi. Le fasi devono essere almeno due. Al termine di ogni fase il progetto si blocca e ha bisogno di una nuova autorizzazione per ripartire.

Nella nostra esperienza sul campo anche questo principio PRINCE2 rimane quasi sempre non applicato.

5. Gestione per eccezione

In PRINCE2 la direzione aziendale delega la gestione del progetto a un Executive, che delega l’esecuzione di una fase a un Project Manager, che a sua volta delega la realizzazione di uno o più pacchetti di lavoro a un Team Leader.

Una volta eseguita la delega si assume implicitamente che in assenza di comunicazioni dal basso tutto stia andando bene.

Semplice ed efficace, ma nella nostra esperienza non lo abbiamo quasi mai visto applicare.

6. Focalizzazione sui prodotti

Un progetto “tradizionale” è visto come un insieme di attività, infatti questo viene scomposto in attività più semplici utilizzando una Work Breakdown Structure (WSB).

Un progetto PRINCE2 è visto come la realizzazione di un insieme di prodotti, ciascuno descritto da una Descrizione del Prodotto. La WBS è sostituita da una PBS – Product Breakdown Structure.

Semplice e logico; lo abbiamo visto applicato in qualche grande azienda di produzione.

7. Adattamento all’ambiente di progetto specifico

Una volta che avrai interiorizzato i principi PRINCE2, il metodo non ti servirà più.

Anche questo principio è sacrosanto, ma la stessa AXELOS Global Best Practice ha deciso di non applicarlo quando – a partire da PRINCE2® 6th Edition – ha deciso di fissare dei criteri minimi perché un progetto possa dirsi “un vero progetto PRINCE2”.

I 7 principi PRINCE2 in sintesi

Ciò che emerge complessivamente dall’analisi dei 7 principi PRINCE2 è che:

  • Un Project Manager da solo non può “applicare PRINCE2”, perché per utilizzare questo metodo è necessario che tutti gli stakeholder siano d’accordo. I corsi PRINCE2 li deve seguire chi si occupa di governance dei progetti nell’organizzazione.
  • Una volta digeriti i principi PRINCE2 puoi sentirti libero di applicare il metodo come vuoi.

Certificazioni PRINCE2®

Per PRINCE2 sono disponibili due edizioni (5th e 6th) e due livelli di certificazione: il livello Foundation, che verifica la conoscenza del metodo da parte del candidato, e il livello Practitioner, che ha come obiettivo valutare se il candidato è in grado di applicare il metodo a un caso di studio. Per ulteriori informazioni puoi consultare le pagine dei corsi di preparazione agli esami:

I principi di PRINCE2

Potrebbe interessarti anche…