Raccolta di articoli divulgativi o di approfondimento sulle best practices organizzative più diffuse.

GTD® FAQ

GTD® FAQ

Che cosa rende GTD® diverso dagli altri approcci di Time Management?

David Allen, l’autore di Getting Things Done, ha proposto un approccio radicalmente diverso. David sostiene che non abbiamo bisogno di time management (il tempo non può essere gestito) ma di self management, ovvero della capacità di gestire noi stessi in qualsiasi situazione o contesto. Il tempo è solo una variabile; dobbiamo imparare a gestire in modo efficace tutte le cose he dobbiamo o vogliamo fare, sia personalmente sia professionalmente.
GTD® ci spiega come conservare le informazioni che creiamo e catturiamo, decidendo ciò che vogliamo fare con esse, organizzando il risultato di questo lavoro in un sistema mantenuto costantemente aggiornato, e prendendo opportune decisioni tattiche e strategiche sul da farsi in ogni momento a partire dalle opzioni disponibili. GTD si pone come un approccio completo per aumentare la produttività diminuendo al tempo stesso lo stress.

Ci sono stati studi scientifici sull’efficacia di GTD®?

Sì; il capitolo 14 dell’edizione 2015 del libro Getting Things Done (pubblicato in italiano con il titolo “Detto, Fatto!”) cita numerosi ambiti di ricerca che hanno confermato l’efficacia del metodo, come ad esempio la psicologia positiva, la cognizione distribuita, la teoria del flusso, la teoria della autoleadership, e così via. Citiamo inoltre lo studio Getting Things Done: The Science behind Stress-Free Productivity di Francis Heylighen and Clément Vidal per ulteriori informazioni sui concetti scientifici alla base di GTD e del suo funzionamento.

Perché è preferibile partecipare a un corso piuttosto che limitarsi a leggere il libro?

Leggere il libro è certamente sufficiente per iniziare. Infatti molte persone che partecipano ai corsi hanno già letto il libro (anche se non è obbligatorio). Il libro è un ottimo modo per ottenere la conoscenza necessaria, mentre i corsi forniscono un aiuto per l’applicazione pratica. I corsi sono organizzati come workshop dove si inizia ad applicare GTD ottenendo dei feedback immediate da parte del facilitatore e degli altri partecipanti in sala, che si aiutano l’un l’altro nell’applicazione dei concetti fondamentali durante tutta la durata del corso. È la stessa differenza che passa tra conoscere qualcosa e metterlo davvero in pratica. Le best practices nell’applicazione di GTD sono presentate in diversi formati per soddisfare molti diversi stili di apprendimento.

Ci sono altre aziende che fanno formazione su GTD®?

E-quality Italia è l’unico partner della David Allen Company certificato del nostro Paese. Tutti i nostri trainer e coach hanno seguito un rigoroso processo di formazione e certificazione progettato e ottimizzato dalla David Allen Company negli ultimi trenta anni. I nostri sono quindi gli unici seminari e programmi di coaching GTD® certificati in Italia.

In che modo GTD® separa il successo dallo stress?

Il fatto che per avere più successo si debba accettare un maggiore livello di stress è un luogo comune molto diffuso. Abbiamo però visto spesso in che modo la tecnologia dell’informazione sia riuscita a trasformare attività difficili, complesse e stressanti in compiti di routine che vengono eseguiti al click di un pulsante. GTD® è una specie di “tecnologia della mente”, un processo di pensiero collaudato a lungo in alcuni degli ambienti di lavoro più impegnativi della nostra società, in grado di aumentare la produttività senza richiedere uno sforzo maggiore. In effetti gran parte delle persone sperimenta una riduzione dello stress contemporaneamente all’aumento dei risultati ottenuti, In termini più semplici GTD® è un modo più smart di vivere e lavorare.

Perché le persone raccomandano con entusiasmo GTD®?

Se avete contattato E-quality Italia perché qualcuno vi ha raccomandato il metodo GTD® sappiate che non siete i soli. Se aveste scoperto qualcosa che vi ha aiutato sistematicamente a raggiungere risultati migliori con minor stress sareste anche voi entusiasti! Qualunque cosa vi abbiano raccontato dell’adozione di GTD® vi raccomandiamo di provare il metodo in pratica e di persona, per vedere cosa GTD® può fare per voi. I nostri corsi rappresentano un ottimo punto di partenza.

In che modo GTD® può aiutare le persone ad alto potenziale?

GTD® è diverso dai programmi di gestione del tempo e della produttività che spesso sono inseriti nei piani di formazione come palliativo per i problemi incontrati dalle persone ad alto potenziale. GTD® consente di aiutare le persone più brillanti, impegnate e ambiziose delle nostre organizzazioni a raggiungere i loro obiettivi. Inoltre GTD® consente di rendere sostenibile nel lungo periodo un livello di prestazione elevato.

Quali sono i passi successivi del percorso GTD®?

David Allen, il creatore di GTD®, ha paragonato la pratica GTD® a un’arte marziale in cui non ci sono necessariamente sempre mosse più avanzate da imparare, ma in cui i fondamentali della comprensione e dell’esecuzione devono essere costantemente raffinati durante tutta la vita e la carriera di ciascuno. Per questo motivo non c’è una progressione lineare, ma piuttosto coloro che praticano GTD® spesso trovano proficuo rileggere il libro e partecipare a corsi pubblici o a programmi di coaching personalizzati durante vari momenti della loro evoluzione.

Come posso entrare in contatto con gli altri che applicano GTD® in Italia?

Gestiamo diversi siti e gruppi social; potete scegliere a quali aderire per entrare in contatto con noi e con le altre persone che applicano GTD® in Italia.
In particolare potete rimanere in contatto con noi:

  • leggendo gli articoli sul nostro blog
  • mettendo “Mi piace!” sulla nostra pagina Facebook dedicata a GTD®
  • chiedendo l’iscrizione al gruppo Facebook GTD® Italia
  • seguendo l’account Twitter @GTD_Italia

Triplo vincolo

Triplo vincolo

Articolo originale di Praxis Framework, traduzione in italiano di E-quality Italia.

Il triplo vincolo è una delle verità fondamentali del Project, Programme and Portfolio Management. Conosciuto anche come il ‘triangolo di ferro’, ha generato molte varianti, ma queste spesso diluiscono l’impatto dell’originale.

Nella sua forma più semplice il triangolo mostra la relazione tra gli obiettivi del lavoro (ambito), il tempo necessario per la loro produzione e quanto costerà completare il lavoro.

Il fattore significativo del triangolo è che è la forma geometrica più stabile e mostra come qualsiasi tentativo di apportare modifiche a un angolo del triangolo avrà un impatto immediato sulle altre due.

Questo non è certo un concetto nuovo. Oltre 150 anni fa, John Ruskin disse:

La legge comune del bilancio economico vieta di pagare poco e ottenere molto – non si può fare.

La bellezza del triangolo è che è illustra questo e altri collegamenti in modo molto semplice. Se si amplia l’ambito ci vorrà più tempo e costerà di più; se si limita il budget ci si dovrà accontentare di un ambito ristretto; limitando il tempo aumenteranno i costi.

Continua a leggere Triplo vincolo

In sette video il sistema GTD di David Allen

In sette video il sistema GTD di David Allen

GTD® è l’acronimo di Getting Things Done, una sigla nota a tutti coloro che hanno già migliorato la loro vita con il programma di David Allen.



Nel corso degli anni “Detto, fatto!” è diventato il manuale di riferimento per affrontare ogni tipo di impegno – lavoro, studio, intensa vita personale – in modo rapido ed efficace, e ha generato un’intera cultura di siti web, strumenti organizzativi, seminari e seguaci entusiasti.

Ognuno di noi si scontra ogni giorno con l’impossibilità di fare tutto e con l’inevitabile rischio di trascurare le cose importanti o di prendere le decisioni sbagliate. Il metodo del mago della produttività personale ci insegna a raggiungere un obiettivo straordinario: aumentare la nostra capacità di organizzarci e diminuire l’ansia.

In questa serie di sette episodi, registrati direttamente a casa Allen, David ci mostra come ha organizzato il suo sistema GTD®. Ecco i video con i relativi contenuti.
Continua a leggere In sette video il sistema GTD di David Allen

Getting Things Done: sei fuori di testa?

Getting Things Done : sei fuori di testa?

La maggioranza delle persone tenta di gestire gli elementi più importanti del proprio lavoro e della propria vita conservandoli nella propria mente, ma la mente è un ufficio terribile! Recenti ricerche sui processi cognitivi hanno dimostrato le limitazioni della nostra mente quando si tratta di memorizzare, ricordare e mettere in priorità le attività della nostra vita.

In questo divertente video David Allen enfatizza la necessità di tener traccia di tutto ciò di cui ci dobbiamo ricordare in una “mente esterna”, in modo da “fare spazio a una maggiore creatività, al pensiero intuitivo o, semplicemente, essere presenti”. David Allen è uno dei pensatori più influenti al mondo per tutto ciò che riguarda la produttività. Fast Company Magazine gli ha attribuito il titolo di “Personal Productivity Guru”, mentre Forbes Magazine lo ha incluso nella lista dei 5 più executive coach americani. L’American Management Association lo ha incluso nella top ten dei business leaders. Il suo bestseller ‘Getting Things Done: The Art of Stress-Free Productivity’ è stato pubblicato in trenta lingue (tra cui l’italiano, con il titolo “Detto, fatto!”) e la sua metodologia, denominata in breve GTD®, è diventata un fenomeno globale.

David Allen ha dedicato la propria vita a insegnare alle persone come rimanere rilassati e produttivi in un mondo che si muove ad alta velocità. In Italia la formazione e il coaching su Getting Things Done® sono stati affidati in esclusiva ad E-quality Italia; per saperne di più sui corsi Getting Things Done® in Italia fate click qui;  troverete qui una breve storia di David Allen e della metodologia GTD®.

Questa presentazione si è svolta in un evento TEDx utilizzando il formato TED conference, ma è stata organizzata in modo indipendente da una comunità locale. Per saperne di più https://www.ted.com/tedx

Praxis Framework™: la prima certificazione di PM open source

Praxis Framework™, la certificazione

APMG International ha lanciato una nuova certificazione a supporto della gestione di progetti e programmi, con l’obiettivo di aiutare i professionisti a ottenere il miglior risultato possibile nel più breve tempo possibile. Questa nuova certificazione aiuterà i Project Manager a dimostrare la propria abilità nella gestione di progetti e di programmi nelle dinamiche organizzazioni di oggi.

La certificazione è basata sul Praxis Framework, che è disponibile gratuitamente on line. Praxis Framework unisce in un unico framework i quattro elementi fondamentali necessari per un progetto di successo; conoscenza, metodo, competenza e abilità. Praxis Framework fornisce tutti gli elementi necessari per gestire con successo programmi e progetti, rendendo così inutile la consultazione delle altre guide disponibili.

Praxis Framework è sostenuto da un’attiva community internazionale che ha contribuito con numerose risorse, tra cui un glossario, le traduzioni, i template, i case study e un blog.
Continua a leggere Praxis Framework™: la prima certificazione di PM open source

GTD®: Sei un Visionary/Crazy Maker? Scoprilo con GTD-Q.

Il test GTD-Q

GTD-Q è un test sviluppato dalla David Allen Company per valutare due elementi del self-management; il controllo e la prospettiva. Potete utilizzare questo semplice test – per completarlo sono necessari meno di due minuti – per valutare il vostro livello di produttività odierno.

Le vostre risposte ad alcune domande vi forniranno una prima indicazione del vostro posizionamento finale, come ad esempio “La mia vita è troppo caotica”, o “Ho un buon sistema per tener traccia di tutte le cose che devo fare”. Continua a leggere GTD®: Sei un Visionary/Crazy Maker? Scoprilo con GTD-Q.

Mappe mentali e formazione pt.1: la neuroplasticità

Come società di formazione, ci siamo resi conto che spesso, per i nostri partecipanti, era insolito tornare “dietro i banchi”, rimettendo in discussione conoscenze e dovendone acquisire o consolidare di nuove.

Per questo motivo un aspetto fondamentale della nostra attività è il metalearning, ovvero utilizzare strumenti e fornire competenze funzionali all’apprendimento; in poche parole: non solo contenuto, ma anche metodo; imparare come imparare.

I nostri lettori sanno che abbiamo spesso affrontato il Mind Mapping come approccio funzionale alle attività lavorative, come tool imprescindibile per i nostri amici Project Manager.
Oggi vogliamo invece indagare i motivi per cui abbiamo eletto le mappe mentali a strumento principe anche per il meta-apprendimento, anzi – un motivo in particolare, quello alla base di tutto e anche del rapporto tra mappe mentali e formazione: la neuroplasticità.

MAPPE MENTALI E FORMAZIONE _ NEUROPLASTICITÀ

Continua a leggere Mappe mentali e formazione pt.1: la neuroplasticità

Perché un Project Manager dovrebbe usare le Mappe Mentali?

Chi conosce il mind mapping già sa che è una tecnica assolutamente versatile e applicabile a numerose attività: dallo studio al lavoro e all’organizzazione personale, dal brainstorming alla pianificazione, dal note taking al note making, le mappe mentali riescono a essere non solo un mezzo e uno strumento ma anche un metodo e un approccio.

In tal senso le mind map possono supportare anche le attività che concorrono alla gestione ottimale di un progetto, costituendo di fatto un immancabile strumento nella cassetta degli attrezzi del project manager.

Continua a leggere Perché un Project Manager dovrebbe usare le Mappe Mentali?